Venerdì, Marzo 05, 2021
   
Dimensione
Login

CIA Snowboard: a Raffaella Brutto e Luca Matteotti il titolo di Sbx

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

CIA Snowboard: a Raffaella Brutto e Luca Matteotti il titolo di Sbx

Tre giorni di gare con altrettanti titoli in palio, da venerdì, in Val Passiria, sede dei Campionati italiani Assoluti e Giovani di Snowboard. Medaglie che hanno imboccato l’autostrada per la Valle d’Aosta grazie a Raffaella Brutto, Luca Matteotti, Federico Raimo, Fabio Cordi e gli alpini Roland Fischnaller e Rudy Galli.

Colori rossoneri mattatori nello Snowboardcross. Tutti s’attendevano una battaglia tra Simone Malusà e Stefano Pozzolini; a mettere tutti d’accordo ci ha pensato Luca Matteotti, dell’Aosta Snowboard club, che si è aggiudicato il titolo Assoluto e quello Giovani. Matteotti ha preceduto l’altoatesino Emanuel Perathoner e l’alpino Federico Raimo, con quarto Alberto Schiavon. Simone Malusà è 8° assoluto, 6° tra gli italiani; 10° assoluto, 8° tra gli italiani e bronzo Giovani, Fabio Cordi (Sc Val d’Ayas); 10° italiano Stefano Pozzolini. Poi, 15° Giacomo Rey; 17° Kevin Kok; 18° Lorenzo Semino; 20° Edoardo Bellotto; 21° Alberto Zucchi Frua; 34° Marco Broggi; 35° Arnaldo Comé. Doppietta anche in campo femminile, titolo assoluto e Giovani, a Raffaella Brutto (Snow club Courmayeur), davanti a Karin Bernardi e a Giovanna Costa. Giulia Lorenzetti conclude 6°; 9° è Marta Vagheggi, 15° Beatrice Melli; 17° Petra Padovani; 18° Caroline Frachey.

Nel Gigante Parallelo, dove si registra una doppietta svizzera, con Julie Zogg e Stefanie Mueller, terza e neo campionessa italiana Corinna Beccaccini, che precede Jessica Eschgfaeller e, terza, prima Giovani, Raffaella Brutto. Al 26° posto assoluto Marta Vagheggi; 28° Beatrice Melli e 35° Anna Gaia Vincenzi. In campo maschile, doppietta del Centro sportivo Esercito, grazie a Roland Fisschnaller e Rudy Galli, con bronzo a Aaron March.

Fonte: ASIVA
 

comments

Patners

Twitter

By Plimun Web Design

Facebook Fans


   
 11 visitatori online

Login Form