Martedì, Gennaio 25, 2022
   
Dimensione
Login

News 2010

Pullin e Jacobellis vincono l'sbx di Chiesa Valmalenco.

      AlbertoSchiavon 4° - Raffaella Brutto 7° - Stefano Pozzolini 8°

Un outsider e un ritorno. Sono questi i verdetti della prima giornata di Coppa del Mondo di snowboard in Valmalenco (So). Nello snowboard cross maschile, infatti, ha vinto l’australiano Alex Pullin, che in Coppa era salito solo una volta sul podio, sul gradino più basso, nel 2008. Dietro di lui l’austriaco Mario Fuchs e il polacco Mateusz Ligocki. Ultimo classificato della “big final” è l’azzurro Alberto Schiavon, che con questo quarto posto fa registrare il suo miglior piazzamento della stagione. Anche l’altro azzurro, Stefano Pozzolini, ha conquistato il migliore risultato del 2009/10 con l’ottavo tempo. Lontano dai primi il leader della classifica di specialità, il francese Pierre Vaultier, solo 16esimo. Per quanto riguarda la già ampiamente decisa classifica di specialità, nessun cambiamento dietro al francese, con il giapponese Graham Watanabe secondo e lo statunitense Nate Holland terzo.

Tra le donne, vittoria di una ritrovata Lindsey Jacobellis (Usa), finalmente al top della forma. Seconda la canadese Maelle Ricker, che ha preceduto la connazionale Dominique Maltais el a norvgese Helene Olafsen. Migliore delle italiane Raffaella Brutto, settima classificata e miglior risultato stagionale. Invariata la classifica di specialità, in attesa delle finali di La Molina (SPA), con la Ricker davanti alla Olafsen e alla Maltais che però riduce a soli 90 punti il distacco dalla norvegese.

Fonte: FISI

comments

 

Snowboard: Raffaella Brutto fuori di un soffio dalle finali Olimpiche

    Una caduta dopo l'ultimo salto compromette la qualificazione dell' alpina...

 C'è stata parecchia sfortuna nell'esordio olimpico di Raffaella BRUTTO. L'atleta di Courmayeur, tesserata da inizio stagione per il Centro Sportivo Esercito, è stata autrice di una buona run di qualifica, svoltesi sul medesimo percorso di ieri rispetto agli uomini. Partenza leggermente sofferta, ma poi in tutto il tracciato, caratterizzato da numerose paraboliche e salti, l'alpina si è comportata bene, affrontando molto bene specialmente i "doppi". L'unico problema è giunto sull'ultimo salto, davvero alto e impegnativo: Raffaella è atterrata leggermente sbilaciata, ma l'alta velocità non le ha permesso di mantenere l'equilibrio sufficiente a passare il traguardo nella corretta posizione. Questa imprecisione è costata molto cara, dato che ha relegato in 17° posizione l'azzurra a un secondo dalla 16° posizione, ultima valida per accedere alle batterie finali.

Rimane quindi un po' di amarezza per questa "prima volta" di Raffaella BRUTTO ai Giochi Olimpici, ma c'è la certezza delle qualità della ragazza che, nella stagione scorsa, è riuscita ad ottenere ben due quarti posti in Coppa del Mondo.


Fonte: Sport Militare Alpino

comments

   

Cerimonia di apertura a lutto per i XXI Giochi Olimpici Invernali di Vancouver

   Questa notte intorno alle 2.30  molti italiani hanno atteso a lungo l'apertura della XXI edizione dei giochi olimpici invernali.

Uno sfortunato incidente, occorso nel pomeriggio canadese antecedente la cerimonia di apertura sulla pista dello slittino  artificiale, si è concluso in tragedia con la morte di un atleta georgiano facendo così slittare di qualche ora l'apertura dell'appuntamento olimpico.

La Georgia ha onorato con un drappo nero sulla bandiera a mezz'asta la memoria del suo atleta sfilando regolarmente con  lo stadio tutto in piedi.  Tra le autorità presenti in tribuna il Presidente del CONI Giovanni Petrucci  e il Sottosegretario Rocco Crimi.

La delegazione italiana è entrata nello stadio B.C.Place alla presenza di oltre 60.000 spettatori dopo una lunga attesa (41° delegazione) ed ha raccolto un boato di applasi segno del profondo legame che lega l'Italia alla terra canadese.

Il Presidente del Cio, con la voce rotta dall'emozione ha ricordato la tragedia del georgiano e la sofferenza che in questo momento sta vivendo tutta la delegazione. Pensando ai  Giochi puliti ha chiesto: stop al doping. Ad aprire ufficialmente la XXI edizione dei Giochi Olimpici è stata Michelle Jean  Governatore del Canada. L'ultimo tedoforo che ha acceso la fiamma olimpica è stato il leggendario giocatore di hockey canadese  Wayne Gretzky.

Fonte: Sport Militare Alpino

comments

   

Pagina 3 di 5

Patners

Twitter

By Plimun Web Design

Facebook Fans


   
 23 visitatori online

Login Form