Lunedì, Maggio 10, 2021
   
Dimensione
Login

News 2012

Tre AMBASSADOR testano in anteprima sulla loro tavola e in segreto, la prossima news di NILOX

 Clicca per ingrandireUnico, irresistibile, imperdibile: questi i primi commenti delle campionesse. La vicinanza di Nilox (www.nilox.com) al mondo dello sport si intensifica ulteriormente: sono tre infatti le giovanissime campionesse che hanno deciso di collaborare con il marchio hi-tech e testare in anteprima durante gli allenamenti un nuovo prodotto top secret. Ciascuna eccellente nella sua disciplina, le “ambassador di Nilox”, sono dei veri prodigi: Gisela Pulido, barcelloneta, classe ’94, con il sole e il mare negli occhi, si dice che sia stata la campionessa del mondo più giovane nella storia del kitesurf, in cui la ragazza fa numeri mai visti!

Qualche anno in più – 23 per l’esattezza – italianissima, di Genova, Raffaella Brutto è stata 4 volte vincitrice dei Campionati Assoluti Italiani di snowboard. Sembra incredibile se si pensa che è di Genova, una città in cui la neve è ben lontana..

Nemmeno 30 anni, Valentina Vitale è una bellezza del surf, e anche indiscusso numero uno italiano. Parlata e risata romana, vive in tavola e trasmette la sua passione agli allievi della sua scuola che ha aperto a Ostia.

 

A queste tre ragazze talentuose e piene di vita Nilox ha chiesto di testare durante gli allenamenti un prodotto che verrà presto annunciato, pensato per il movimento sia in acqua che “in aria”, adatto agli sport estremi, ottimo da utilizzare durante le performance atletiche, ma perfetto anche nei momenti di svago quotidiano.

Al momento possiamo solo svelare il grande entusiasmo delle campionesse ambassador di Nilox. Appuntamento a fine mese per scoprire l’attesa novità.

 A. Sensini G. Pulido  Raffaella V. Vitale

Fonte: NILOX

comments

 

Snowboard: il casco salva la vita a Raffaella Brutto!

 cascoNel corso delle qualificazioni della prova di Coppa del Mondo di snowboardcross a Blue Mountain, in Canada, l'azzurra Raffaella Brutto è caduta rovinosamente effettuando il secondo salto della prova, un balzo in controspigolo backside.
Il casco, come si può vedere dall'immagine, ha ricoperto un ruolo di fondamentale importanza per l'incolumità della  24enne ligure, che è uscita dall'incidente senza gravi conseguenze e solo con qualche 'ammaccatura' da smaltire.
"Per fortuna niente di rotto, ma sono un po' dispiaciuta per la gara, perché la pista mi piaceva molto", il commento della Brutto, che vanta un quarto posto come miglior risultato nel massimo circuito mondiale.Per la cronaca, la competizione femminile è stata vinta dalla padrona di casa Dominique Maltais, che ha sfruttato al meglio l'assenza per infortunio dell'americana Lindsey Jacobellis per volare in testa alla generale. La canadese ha preceduto la bulgara Alexandra Jekova e la connazionale Maelle Ricker.In campo maschile, invece, trionfo per il francese Pierre Vaultier, con Alberto Schiavon settimo e vincitore della small final.

Federico Militello

Fonte: Olimpiazzurra

Guarda il Video della caduta
blu p

comments

   

Coppa Europa di snowboardcross, Brutto e Moioli sugli scudi a Cervinia

clicca per ingrandireWeekend di soddisfazioni per l'Italia nella Coppa Europa di snowboard. A Cervinia si sono disputate due tappe di snowboardcross che hanno visto in campo femminile Raffaella brutto piazzarsi al primo e terzo posto.
Molto bene pure Michela Moioli, mentre in campo maschile Omar Visintin si è imposto in gara-due con Fabio Cordi terzo. Emanuel Perathoner si è invece piazzato secondo in gara-uno. Ad Adelboden è andato in scena un gigante parallelo con Luca Ponti al decimo posto fra gli uomini e Romina Demetz al sedicesimo fra le donne.

comments

Leggi tutto: Coppa Europa di snowboardcross, Brutto e Moioli sugli scudi a Cervinia

   

SBX a Veysonnaz la gara delle polemiche.

Clicca per ingrandireSBX a Veysonnaz, Jacobellis e Boldykov vincono la gara delle polemiche. Matteotti nono

Russia e Stati Uniti svettano nello snowboardcross delle polemiche disputato sulla pista di Veysonnaz. Il tracciato svizzero si è rivelato particolarmente  stretto, delicato e pericoloso per l'incolumità degli atleti, tanto che molti dei protagonisti hanno concluso la giornata con ammaccature varie. Fra questi alcuni azzurri come Alberto Schiavon che si è procurato una contrattura alla schiena, Luca Matteotti con il pollice destro della mano steccato e Fabio Cordi zoppicante. Alla fine i successi sono andati ad Andrey Boldykov in campo maschile (con Luca Matteotti nono ed Omar Visintin quattordicesimo) e Lindsey Jacobellis fra le donne (con Raffaella Brutto dodicesima).

"E' stata una strage - ha commentato alla fine il direttore tecnico azzurro Cesare Pisoni -. Siamo stati fortunati a non esserci fatti troppo male, nonostante tutto i ragazzi se la sono giocata fino alla fine, proporremo alla Fis di ridurre le run da sei a quattro atleti. E che dire dei cancelletti di partenza? Sono stati sperimentati in questa occasione un nuovo tipo, ma evidentemente non andavano bene perchè non si sono aperti in numerose occasioni". Sabato nuovo appuntamento con le qualificazioni di una nuova gara di snowboardcross, domenica le manches per il titolo.

comments

Leggi tutto: SBX a Veysonnaz la gara delle polemiche.

   

Pagina 2 di 3

Patners

Twitter

By Plimun Web Design

Facebook Fans


   
 18 visitatori online

Login Form